Al Ministro Dadone: rispetto delle norme e circolare di chiarimenti

scarica il documento  Nota CONFSAL-UNSA del 27 marzo 2020  Dalla Federazione

Con nota n. 51 del 27 marzo 2020 Massimo Battaglia, Segretario Generale CONFSAL-UNSA, ha rivolto il seguente appello al Ministro della Pubblica Amministrazione Fabiana Dadone:


Spett. Ministro,

in questo periodo di emergenza nazionale, il lavoro incessante della Federazione Confsal-UNSA è stato totalmente indirizzato ad ottenere, da parte dei datori di lavoro del comparto delle Funzioni Centrali, il pieno rispetto delle norme adottate dal Governo.
Su questo, abbiamo accolto con soddisfazione le Sue raccomandazioni ai datori di lavoro nel pubblico impiego di attenersi scrupolosamente alle norme governative, anche a seguito delle segnalazioni alla Sua attenzione che Le abbiamo inviato.
Le chiedo al riguardo di non abbassare la guardia e di svolgere non solo un’opera di monitoraggio, che si traduce in cifre e percentuali di attuazione del lavoro agile, ma di intervenire direttamente laddove necessario, poiché dietro il mancato rispetto della norma c’è il rischio della vita del lavoratore e dei suoi familiari più stretti.
Le chiedo inoltre di voler emanare una circolare per chiarire alcuni dubbi interpretativi delle norme adottate dal Governo, e specificatamente sul tema della cumulabilità degli ulteriori permessi ex L. 104/92 e sulla nuova fattispecie della esenzione dal servizio prevista dall’art. 87 comma 3 del D.L. n.18/20, poiché risulta necessaria una linea di condotta comune per le diverse amministrazioni che ad oggi hanno difficoltà ad applicare la norma, specie per ciò che concerne le categorie protette o i lavoratori appartenenti a quei profili professionali per cui risulta complicata l’attivazione delle forme di lavoro in modalità agile.